Parre

Valle Seriana Superiore

oltre-il-colle

Il paese di Parre fa partre della Comunità Montana Valle Seriana Superiore ed è posto al centro di un poligono irregolare che si estende su due direttive nord-sud e est-ovest in prossimità del fiume Serio (470 metri sul livello del mare). L’altopiano su cui si trova copre un dislivello che va da 600-650 metri ai 2320 delle pendici montuose.

Sotto la denominazione del Comune di Parre sono comprese anche le frazioni di Ponte Selva, Sant’Alberto e Martorasco, un tempo frazioni autonome poste sul lato destro della Valle del Serio, lungo la strada per Valbondione e ora inglobate da Parre. Parre conobbe una significativa crescita a fine Ottocento, quando divenne un paese sede di manodopera generica e specializzata per le miniere di blenda e di calamina del Monte Trevasco, oltre che per gli stabilimenti tessili di Ponte Nossa e Ponte Selva.

Il nome Parre deriverebbe secondo alcuni dal celtico “Paar”, località elevata, spaziosa. Tesi che sembrerebbe confermata dalle testimonianze archeologiche in bronzo di epoca preistorica, segno che l’altopiano era sede di un insediamento umano già in epoca antica. Per altri invece il nome indicherebbe un “campo grande”. Anche questa tesi potrebbe essere sostenuta dall’archeologia. Gli scavi del 1883 e poi del 1983-1994 designerebbero Parre come Parra, l’oppidum Oroboiorum ricordato da Plinio nella sua Naturalis Historia. I resti di un accampamento o insediamento abitativo sovrastante Ponte Nossa sono di certo continuati fino all’epoca tardo-romana.

Sottoposta prima all’autorità del Comune, istituitosi nel XII secolo e poi ai procuratori veneti, Parre fu per secoli terra di contadini e pastori, la cui occupazione consisteva nella transumanza invernale nell’Oltrepò pavese e in Piemonte, nella vallate valtellinesi e poschiavine in estate, vendendo la lana a Gandino e alle altre tessiture della Valle. La cultura contadina trovò poi un ulteriore sbocco nell’artigianato e nella piccola industria. Il benessere di cui si trovò oggetto non ha però alterato l’aspetto del nucleo originario del paese, diviso in Parre inferiore (Par sota) e Parre superiore (Par sura).